Search

A Todi arriva lo Human Rights International Film Festival

Sono già più di mille i film, tra corti e lungometraggi, candidati alla prima edizione di Diritti a Todi – Human Rights International Film Festival.

Sono oltre 80 i paesi di provenienza: Usa, Russia, Cina, Brasile, Regno Unito, Francia e Germania. Ovviamente, Italia. Ma anche Messico, Corea, Siria, Portogallo, Nepal, Perù. Titoli sono arrivati dalla Danimarca, dalla Nigeria, dal Bahrain, da Taiwan, dalla Svezia, dalla Svizzera, dal Sudafrica, dal Paraguay, dal Congo, dal Pakistan e dall’Afghanistan. Da Israele e dalla Palestina.

Si è quindi rivelata azzeccata l’idea di Francesco Cordio (tra le sue opere Lo Stato della Follia, e LocalEuropa, musica valida per l’espatrio) e sostenuta da Amnesty International e dall’Aamod, l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico: una rassegna volta favorire il confronto internazionale nell’ambito della promozione del documentario d’autore sui temi dei diritti umani. In tanti hanno proposto le loro opere, che saranno ora accuratamente selezionate nonostante il numero molto elevato di candidature. Le iscrizioni rimarranno ancora aperte fino al 29 agosto.

Dal 27 ottobre al 1 novembre 2015, poi, i film selezionati saranno proiettati a Todi, quando il Festival, organizzato e promosso dall’Associazione Culturale Teatri di Nina, dalla Demetra Produzioni sas e da Own Air srl con il contributo e la collaborazione del Comune umbro avrà la sua consacrazione pubblica, con anche numerose iniziative collaterali, mostre, proiezioni fuori concorso e convegni.

«La Città di Todi accoglie con piacere la prima edizione della manifestazione», ha detto proprio Carlo Rossini, sindaco di Todi: «Sono personalmente convinto del fatto che alimentare circuiti virtuosi di conoscenza, elaborazione e dibattito sia un compito proprio delle comunità locali e che sia sempre più urgente portare il dibattito su questi temi nelle nostre città, in forma diffusa».

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi