Search

Borghi Magazine parla di Deruta e della “Strada della ceramica in Umbria”

buongiorno ceramica

Bella e patinata la pubblicazione Borghi Magazine, specializzata in turismo e promozione del patrimonio culturale dei Borghi più belli d’Italia che, in questo numero, riserva a Deruta la copertina ed un servizio interno di 8 pagine dedicato anche al progetto “La strada della ceramica in Umbria”. A partecipare all’incontro sono stati: Michele Toniaccini Sindaco di Deruta, Massimiliano Presciutti sindaco di Gualdo Tadino, Agusto Ancillotti in rappresentanza del Comune di Gubbio, Fiorello Primi Presidente nazionale Borghi più Belli d’Italia, Antonio Luna Presidente regionale Borghi più belli d’Italia Umbria, Claudio Bacilieri Direttore Borghi Magazine e Adriano Marchesi Editore –AD Borghi Magazin.

Un importante segnale di attenzione al mondo della ceramica che intanto fa bene ad un settore che deve trovare il modo di reinventarsi e ritrovare la sua importanza. Nei saluti istituzionali il sindaco di Deruta Toniaccini ha ringraziato i tanti cittadini presenti a questo evento e ha presentato il programma degli eventi di “Buongiorno Ceramica 2018” che si terrà a Deruta dal 19 al 20 maggio 2018.

“Finalmente – ha detto il sindaco Presciutti – abbiamo trovato il modo di mettere da parte i campanili e stipulare il progetto “Le Strade della ceramica”. Se si sta insieme, forse si va più lenti, ma si ottengono maggiori risultati”.

“È evidente – ha detto Luna – che lo spopolamento é il problema maggiore dei nostri borghi. Il comune di Deruta è  stato bravissimo a conservare le proprie caratteristiche e a puntare sui giovani evitando l’abbandono del territorio. Il protocollo firmato fra le città  della ceramica umbre è importantissimo,  perché afferma  la volontà dei sindaci firmatari, di ripartire dall’identità dei propri territori, senza abbandonare le proprie radici  e cercando trovare il modo per uscire dalla crisi, spingendo sul proprio artigianato”.

“Lo stile italiano – ha ricordato Primi – si trova nei piccoli centri, non nelle grandi città. I turisti amano i piccoli centri storici conservati alla perfezione, ancora vivi e vivibili, dove si mangia bene”.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi