Le scuderie della Rocca di Sant’Apollinare primo edificio certificato GBC Historic Building

sant'apollinare

Le scuderie del Monastero benedettino della Rocca di Sant’Apollinare si sono aggiudicate il primato della certificazione del protocollo GBC Historic Building, dedicato al restauro e alla riqualificazione sostenibile degli edifici storici, ottenendo il livello di certificazione ORO con 72 punti su 100.

Il 22 febbraio, alle ore 11, si è tenuta presso l’Aula Magna del Polo di Ingegneria dell’Ateneo la cerimonia di consegna della targa e la conferenza stampa su questo importante risultato.

A seguire il convegno: ”Sostenibilità ambientale e criteri ambientali minimi nella ricostruzione Post-Sisma”, dove sono intervenuti, fra gli altri, il Rettore dell’Ateneo Franco Moriconi, i direttori dei dipartimenti di Ingegneria e di Ingegneria Civile e Ambientale rispettivamente Giuseppe Saccomandi e Annibale Luigi Materazzi, il Sindaco di Marsciano Alfio Todini, il vicepresidente di GBC Italia Marco Mari, il responsabile scientifico del progetto Franco Cotana e il vicepresidente della Fondazione per l’Istruzione Agraria Francesco Panella.

La Rocca di Sant’Apollinare è un’antica abbazia benedettina situata nei pressi di Spina, in provincia di Perugia. Collocata su di un colle, la Rocca fu costruita nel X secolo come fortezza a difesa di una nobile famiglia locale.

L’edificio che un tempo ospitava le scuderie è stato oggetto di un complesso ed affascinante intervento di restauro, adeguamento sismico e di riqualificazione energetica commissionato dalla Fondazione per l’Istruzione Agraria. Il progetto, il cui responsabile scientifico è Franco Cotana, ordinario di Fisica tecnica industriale presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia, è il frutto della collaborazione tra l’Università degli Studi di Perugia e un gruppo di aziende umbre scelte per l’esperienza dimostrata nel campo degli interventi di recupero, di consolidamento statico e di efficientamento energetico di edifici storici.

Il protocollo realizzato da GBC Italia e sviluppato sulla base di LEED® lo schema di certificazione più diffuso al mondo, unisce due culture edilizie: quella americana, dove nasce la famiglia di protocolli LEED®, e quella italiana, dove risiede il più ampio patrimonio al mondo di conoscenze e competenze sul restauro storico e conservativo. Uno standard innovativo nel quale convivano le esigenze di recupero di quella parte più pregevole e storica del parco edilizio nazionale con le indicazioni degli obiettivi europei di efficientamento energetico e riduzione dell’impatto ambientale dell’esistente.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi