Search

Giardino di Boboli: visite guidate alla scoperta dei tesori botanici

giardino di boboli

A partire da adesso per tutta l’estate, con il tempo delle fioriture, sarà possibile visitare il Giardino di Boboli dove sarà esposta una gran varietà di tesori botanici tra i quali: Orchidee selvatiche, antiche varietà di rose, lussureggianti ninfee, la vastissima e secolare collezione di agrumi medicei. Per approfondire il mondo che circonda i magnifici esemplari vegetali è prevista una serie di visite guidate all’interno del giardino a cura dei tecnici giardinieri. Il primo appuntamento si terrà giovedì 16 maggio con le Orchidee selvatiche la cui presenza in svariati prati del parco è stata accertata fin dall’Ottocento e proprio in questo periodo in fiore. 11, di svariati e suggestivi colori, i tipi di questo fiore visibili a Boboli.

Sabato 25 maggio sarà la volta delle rose antiche: apprezzate e coltivate dai Medici, il giardino ne custodisce ben 156 varietà. Fra le più antiche si ricordano la rosa bengalensis, le banksiae alba e lutea e l’ alba incarnata, già ritratta, tra l’altro, in alcuni dipinti di Sandro Botticelli.

Sabato 6 luglio, in piena estate, avrà luogo il tour delle piante acquatiche, che popolano le vasche della Botanica superiore: qui abitano esemplari di 50 diverse specie diverse di ninfee, tropicali e non. La creazione di questa collezione a Boboli risale all’800 e la si deve al grande botanico Filippo Parlatore.

Ultimo atto della serie di visite, il 27 luglio, sarà dedicato gli agrumi medicei. La collezione di Boboli, tra le più importanti a livello europeo, conta oltre 500 piante di agrumi in vaso: avviata dallo stesso Cosimo I nel ‘500, ne accoglie oltre 60 varietà molte delle quali sviluppate dagli stessi giardinieri dei Medici. Come la celebre Bizzarria, risalente a metà del ‘600, uno ‘scherzo della natura’ (come fu definita dagli stessi botanici del tempo)  con caratteristiche di limone, arancia amara, cedro e  il ‘pomo d’Adamo’ (tra gli agrumi più antichi, veniva offerto come pegno d’amore dai ragazzi alle fanciulle).

“In primavera ed inizio estate il patrimonio botanico di Boboli diventa ancora più ricco e lussureggiante, raggiungendo l’apice della sua bellezza – dice la responsabile del Giardino Bianca Maria Landi – con queste visite vogliamo dare la possibilità a tutti di apprezzarne i tesori naturali che il giardino, come uno scrigno, custodisce e protegge”.

È possibile partecipare ai tour guidati (per gruppi di al massimo 30 persone) contattando telefonicamente il Dipartimento del Giardino di Boboli nelle ore mattutine allo 0552388786 / 0552388717.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi