Search

Gualdo Tadino. La mostra di Luciano Ventrone ospita Tatsiana Naumcic

tatsiana naumcic
A Gualdo Tadino  la mostra Luciano Ventrone. Meraviglia ed estasi, a cura di Vittorio Sgarbi e Cesare Biasini Selvaggi, rilancia e si rinnova. Prorogata fino al 6 gennaio, visto il grande consenso di pubblico e di critica, l’esposizione ospitata presso la chiesa monumentale di San Francesco si amplia con il debutto di Tatsiana Naumcic, l’ultima allieva di Luciano Ventrone.
Il percorso espositivo si arricchisce di una sezione a lei dedicata con opere scelte dal ciclo “Dio sta nei dettagli”, in cui è possibile ammirare i parallelismi tecnici con il suo maestro, definito da Federico Zeri “il Caravaggio del XX secolo”. Tatsiana Naumcic nasce a Minsk, in Bielorussia, nel 1980, dove si forma nei suoi studi artistici. Oggi vive e lavora a Roma e, dal 2016, dipinge affianco al suo mentore, con una peculiare impronta, in cui dolcezza e amore per la perfezione emergono con forza dalle testimonianze visive.
e si rinnova.
La presentazione ufficiale è in programma per oggi, sabato 17 novembre alle ore 11.30 presso la sala consiliare del Comune dove, per l’occasione, alla presenza del primo cittadino Massimiliano Presciutti e delle autorità comunali, saranno presentati il catalogo di Tatsiana Naumcic e lo speciale libro di didattica “Mangiare con gli occhi! I segreti di frutta, ortaggi e fiori nelle opere d’arte di Gualdo Tadino”, a cura di Cesare Biasini Selvaggi, edito per i tipi di Carlo Cambi editore, promossi dall’Associazione Archivi Ventrone.
Il libro-gioco, ideato e prodotto per bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni, prevede un’originale “caccia alla natura morta” guidata dallo stesso maestro Ventrone, grazie anche alle coinvolgenti illustrazioni di Paolo Marabotto. Si tratta di una vera e propria “indagine” sulla simbologia delle nature morte presenti nelle collezioni museali d’arte del comune umbro, a partire da quella che appare nel famoso capolavoro dell’Albero di Jesse di Matteo da Gualdo, presso la pinacoteca.

Per informazioni è possibile contattare lo 075.9142445 o scrivere ainfo@polomusealegualdotadino.it.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi