Search

La grande fauna appenninica: conferenza a cura di Franco Tassi

fauna appenninica

Aula Magna del Complesso Monumentale di San Pietro Borgo XX Giugno, 74

Giovedì, 11 Settembre 2014 ore 17:30

Umbria Scienza – Pagine di Storia Naturale 2014: La Fauna appenninica
Incontri a tema e presentazione di libri e prodotti multimediali con naturalisti italiani e non che ci faranno esplorare, attraverso la loro guida, idee, teorie e luoghi naturali pieni di biodiversità. Incontri a carattere scientifico-divulgativo aperti a tutti, in particolare rivolti agli studenti e agli insegnanti delle scuole superiori e agli studenti e docenti universitari.

Circa mezzo secolo fa, l’Appennino sembrava destinato a perdere la propria fauna endemica più grande e carismatica, mentre monti e boschi venivano assaliti dai “nuovi vandali” nel nome di un malinteso progresso fatto di strade, impianti, ville e condomini, tagli e cementificazioni. I mitici grandi mammiferi che avevano ispirato tante storie e leggende parevano avviati irreparabilmente alla progressiva scomparsa: a rischio il leggendario Orso bruno marsicano, a un passo dall’estinzione il fiero Lupo appenninico, in pericolo lo splendido Camoscio d’Abruzzo, virtualmente cancellata la misteriosa Lince della penisola. A difenderli restava una sola, piccola Area protetta all’epoca quasi sconosciuta, il Parco Nazionale d’Abruzzo, assediato da ogni parte, e ormai considerato perduto… Ma al tempo stesso, stava sorgendo una nuova coscienza ecologica, cresceva la sensibilità per la natura e si sviluppavano anche in Italia movimenti spontanei in sua difesa. I destini di questi “animali-totem” allora si intrecciano, e dalla “memoria storica” dei loro rapporti con l’uomo abbiamo molto da imparare. Ma certamente la vera prova di civiltà, etica e cultura che ora ci attende al varco è dimostrare che sapremo davvero convivere con loro.

Franco Tassi – Franco Tassi è conosciuto, ancor più all’estero che in Italia, come il Direttore storico del Parco Nazionale d’Abruzzo. Giornalista e scrittore, dirigente e “manager”, ma anche naturalista e ricercatore per vocazione, ha diretto Periodici scientifici e Collane naturalistiche, e ha al suo attivo molti libri, diverse Rubriche e innumerevoli articoli su riviste e quotidiani, conseguendo importanti riconoscimenti. Ha scoperto e descritto nuove entità zoologiche, soprattutto di Coleotteri, producendo oltre 200 lavori scientifici, e insegnando in varie Università (Camerino, Napoli e Siena-Grosseto). Oggi continua a scrivere articoli, saggi e libri, a tenere conferenze e a svolgere ricerche sui temi più stimolanti dell’Ecologia di frontiera.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi