Search

Aumentano i giovani ai pellegrinaggi a Lourdes dell’Unitalsi

san pietro

Un incremento del 10% rispetto al 2014 di ragazzi e ragazze che scelgono il pellegrinaggio con l’Unitalsi (Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali) come “percorso di rinascita spirituale”, ma anche perché questa esperienza “li avvicina alle persone più fragili e permette loro di impegnarsi accanto a chi soffre”.

Sono questi alcuni dei dati emersi dal dossier realizzato dal Servizio sanitario dell’Unitalsi per delineare un possibile identikit del pellegrino giovane che si reca in pellegrinaggio e in prospettiva a Roma per l’Anno giubilare. L’indagine è stata effettuata su un campione di 5.500 persone, tra i 14 e i 34 anni, che da gennaio 2015 ad oggi si sono rivolte all’Unitalsi per partecipare a un pellegrinaggio a Lourdes, ma anche nei maggiori santuari europei, italiani e in Terrasanta. L’occasione per la presentazione del dossier è stata il convegno ‘Il medico e la misericordia’, tenutosi in occasione del pellegrinaggio nazionale dell’Unitalsi al santuario francese.

I giovani italiani vedono nel pellegrinaggio e nel vivere l’anno giubilare non solo una possibilità di riscatto umano e spirituale (43%), ma soprattutto l’occasione per mettersi alla prova a sostegno di chi è malato e soffre (57%). L’idea del Giubileo straordinario dedicato alla misericordia potrà solo amplificare questa predisposizione dei giovani ad incontrare l’altro, il meno fortunato. Le regioni dalle quali partono più i giovani sono la Campania, il Lazio e il Nord Est d’Italia (Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia). Inoltre, il 66% sono donne e il 34% maschi.

“Da Lourdes- spiega Federico Baiocco, responsabile nazionale medici Unitalsi- vogliamo lanciare una segnale positivo sui giovani che sono con Francesco per l’impegno al fianco di chi è meno fortunato proprio nello spirito giubilare. In tale contesto anche il pellegrinaggio assume un valore forte non solo spirituale, ma anche umano e formativo. Alla vigilia dell’avvio del Giubileo straordinario abbiamo voluto riflettere su medico e misericordia proprio per ribadire nello stile unitalsiano che al centro di ogni nostra azione c’è sempre la persona umana con i suoi inalienabili diritti. Senza questa centralità dell’uomo, soprattutto di quello debole ed emarginato, non potremo essere medici misericordiosi”.

 

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi