Search

Una città in festa: la Sir è per la prima volta sul tetto d’Italia!

sirmaniaci

Oggi siamo tutti tifosi della Sir Safety Conad Perugia ma permettetemi di dire che ci sono tifosi e tifosi.

Ci sono quelli in prima linea “I Sirmaniaci”, che hanno seguito tutte le partite (tutte!) e quelli che lavorano nel settore scout, tecnici, giornalisti ecc. e poi c’è tutta l’Umbria che ha seguito dal canale 57 di Rai Sport.

Vedere una sfilata di autorità e personaggi di vario genere al PalaEvangelisti solo all’ultima partita della finale scudetto mi fa pensare che sono venuti per non mancare ad un evento… e per me potevano stare anche a casa.

Detto questo, Perugia batte Civitanova in gara 5 di finale e conquista lo scudetto un evento riuscito solo alle donne della Sirio Perugia.

È Zaytsev a mettere a terra l’ultimo punto, il personaggio più discusso della pallavolo e forse lo doveva chiudere lui, perché rimane l’atleta simbolo della pallavolo moderna, può piacere o no ma è così. E poi c’è Bernardi, Lollo, Mister Secolo che sale sul seggiolone del primo arbitro, come fece 28 anni fa a Rio de Janeiro quando con la nazionale italiana vinse il primo oro mondiale. Ma tutto questo non ci sarebbe se un uomo come Gino Sirci non si fosse appassionato a sport  nel lontano 2001, quando la squadra del Bastia giocava in serie C.

Esulta, strilla, ringrazia e saluta tutti dal tifoso al dirigente al politico. Eccentrico, diverso, insolito e per questo unico, Gino continuerà a farci sognare perché nel delirio dello scudetto ha affermato: di voler tenere Zaytsev, di riconfermare alla guida della Sir Safeti Conad Perugia Bernardi, e di voler rinforzare la squadra per il prossimo campionato. Adesso godiamoci questo meraviglioso momento. E come ha dichiarato il mitico presidente: Regniamo con diritto! Anzi, spadroneggiamo con diritto!

Donatella Binaglia

Post correlati

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi