Search

Todi: il profumo di Grechetto, da oggi, si indossa

Nasce la nuova linea di cosmetici al profumo di Grechetto di Todi creata da un giovane diplomato dell’Istituto Agrario in collaborazione con l’azienda della scuola.
Il Grechetto di Todi, tra i più importanti ambasciatori del territorio, è ora anche un cosmetico. La novità è frutto di un’iniziativa congiunta della fattoria didattica dell’Istituto Agrario di Todi e di un suo giovane ex allievo, Marco Manni, che, appena diplomato, ha dato vita ad una start-up impegnata appunto nel settore della cosmesi. Insieme hanno progettato e creato un bagno doccia schiuma e ad una crema burro corpo al vino bianco con il marchio “Oleam-Asylon”, a richiamare i due componenti essenziali, l’olio e il vino, e la loro particolare provenienza, per i quali si aprono così nuovi orizzonti di promozione e valorizzazione.
La storia di questo studente merita di essere raccontata.  Una volta terminata la scuola, mentre proseguiva gli studi universitari, Marco Manni alla fine del 2013 ha deciso di ampliare le tradizionali attività dell’azienda agricola di famiglia, legate alla coltivazione degli olivi e alla moliture delle olive, dando vita insieme ad una coetanea ad un’impresa per la produzione cosmetici a base di olio di oliva.
E’ partito con una linea di quattro prodotti (crema viso, crema corpo, crema mani e doccia schiuma) che hanno subito riscosso un grande apprezzamento nei banchi di farmacie, parafarmacie, erboristerie e profumerie. Un anno dopo, visto il successo commerciale, ha sfornato altri tre prodotti: un balsamo per labbra, una crema viso e un olio da bagno. Tra i componenti sempre l’immancabile olio di oliva.
Qualche mese fa, insieme all’azienda della sua vecchia scuola, ha deciso di dare vita ad una sperimentazione-innovazione che ha puntato sul vino prodotto dai vigneti e nella cantina della scuola: l’Asylon, appunto, etichetta etico-solidale nata, con il patrocinio dell’Alto Patronato Onu per i Rifugiati e di Libera, per sostenere la formazione dei richiedenti asilo ospitati nel centro di accoglienza Caritas di Todi. Dopo prove e test di laboratorio, studi di mercato e di packaging, si è arrivato al prodotto tanto desiderato, che si distingue per originalità e qualità.
Marco Manni lo presenterà per la prima volta al Ciuffelli sabato 27 febbraio in un incontro durante il quale parlerà agli studenti diplomandi del quinto anno della sua avventura imprenditoriale e di come, usciti dalle aule, si possono mettere a frutto gli anni degli studi per inventarsi il lavoro ed il futuro percorrendo nuove strade.
“Racconterò loro di quanto sono fortunati a crescere in un istituto-azienda come il Ciuffelli in grado di sposare iniziative speciali come la mia”. Speciali due volte, visto che le vendite di Oleam-Asylon fatte dalla Bottega Montecristo annessa alla scuola andranno a sostenere in parte le attività della fattoria sociale, ovvero quelle rivolte a persone in condizioni di fragilità sociale.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi