La 1000 Miglia si candida a patrimonio immateriale UNESCO

1000 miglia

L’Automobile Club Brescia, in collaborazione con Comune di Brescia e Regione Lombardia, ha intrapreso un percorso di valorizzazione della storica manifestazione della corsa 1000 Miglia che ha l’obiettivo di ottenere il riconoscimento UNESCO di Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.

L’attuale a rievocazione della epica corsa, originariamente disputata tra il 1927 e il 1957, raduna un vasto pubblico di appassionati da tutto il mondo e vede la partecipazione di centinaia di equipaggi provenienti da oltre quaranta Paesi, ben testimoniando la ricchezza di valori sportivi, culturali e sociali che animano la Convezione UNESCO per la protezione del Patrimonio Culturale Immateriale.

L’evento è stato definito in una celebre frase di Enzo Ferrari quale “un museo viaggiante unico al mondo” e tale immagine ben descrive il valore delle vetture d’epoca che ogni anno competono lungo il percorso, acclamate dal pubblico di appassionati di motori, ma anche di curiosi che si affacciano per la prima volta alla gara. La auto storiche che sfilano lungo le tappe sono una testimonianza dell’ingegno dell’uomo applicato alla ricerca del progresso e al continuo superamento dei limiti. Allo stesso tempo, rimandano al coraggio e alla destrezza con cui i primi piloti si cimentavano a velocità impensabili fino a quel momento.

Oggi, il motorismo italiano costituisce una ricchezza che trova, nella Corsa della Freccia Rossa – così come in altre manifestazioni – un’occasione per trasmettere tale patrimonio alle future generazioni e mantenerne viva la piena consapevolezza del valore, stesso scopo perseguito dai musei motoristici italiani che hanno il merito di conservare, tutelare e trasmettere ai posteri le testimonianze della capacità tecnica e del gusto estetico insuperato, proprio del nostro Paese.

Il processo di candidatura vuole essere l’occasione per coinvolgere tutta la comunità che è legata al mondo del motorismo storico e di cui la Freccia Rossa è ambasciatrice nel mondo: gli appassionati, gli sportivi, le Case automobilistiche, le istituzioni museali e culturali; ciascuno potrà dare il proprio supporto e contributo alla candidatura, andando a popolare la comunità che si raccoglie intorno alla 1000 Miglia e al motorismo italiano.

Per sostenere la candidatura della 1000 Miglia come patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO basta firmare la petizione lanciata da ACI Brescia.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi