Ciao Italia!: un secolo di immigrazione italiana in Francia (1860-1960)”

vacanze in italia ciao italia patrimonio genetico

“Ciao Italia!: un secolo di immigrazione italiana in Francia (1860-1960)”. E’ questo il titolo della mostra organizzata dalle classi IV e V del liceo linguistico G. Bruno che resterà aperta fino a martedì 11 marzo nella sala ex chiesa di Santa Maria della Misericordia in via Oberdan 54 a Perugia dalle ore 14:00 alle ore 18:00.

La mostra Ciao Italia ha l’obiettivo didattico di esporre foto e documenti ma anche di portare i ragazzi ad diventare vere e proprie guide culturali per i visitatori che vorranno partecipare alla mostra. Tra l’Ottocento e il Novecento, circa 26 milioni di Italiani e Italiane emigrarono per motivi sia economici che politici e una parte di essi si diressero in Francia.

Gli Italiani divennero così gli stranieri più numerosi in Francia dall’inizio del XX secolo fino agli anni ’60. Una storia da riscoprire attraverso i sedici pannelli della mostra itinerante, ideata e realizzata dal Palais de la Porte Dorée – Musée national de l’histoire de l’immigration de Paris, la cui circolazione in Italia è coordinata dall’Institut français Italia.

Questa mostra è un percorso geografico, socio-economico e culturale che racconta l’apporto degli Italiani alla società e alla cultura francesi e, quindi, è un modo di rendere omaggio a quegli Italiani che hanno fatto la Francia con il loro contributo culturale ed economico. Si ricorda tuttavia che l’integrazione fu talvolta difficile, con il suo corollario di episodi d’intolleranza e il fiorire di pregiudizi e diffidenza. La mostra si articola in varie tappe: le fasi dei flussi migratori con i loro eventi simbolici, le aree di provenienza e di destinazione dei migranti italiani, i loro svaghi, la religione, l’arte, la musica, lo sport e ovviamente la gastronomia.

La mostra mette in evidenza anche i mestieri che gli Italiani svolgevano in Francia: operai, commercianti, artigiani, ambulanti, fino a rendere omaggio ai più famosi come Yves Montand, Serge Reggiani, le famiglie Bugatti e Ponticelli, Lino Ventura tra gli altri. Uno speciale ringraziamento all’Assessorato al Comune di Perugia per la gentile concessione dello spazio espositivo e per la solerte collaborazione.

La Docente coordinatrice e referente: Prof.ssa Maria Giovanna Gori.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi