Corciano Festival 2017, tra tradizione, sperimentazione e originalità

corciano festival 2017

Si è conclusa domenica 20 agosto tra gli applausi la 53° edizione del Corciano Festival/Agosto Corcianese con il tradizionale Concerto di chiusura. 

Oltre 50 eventi in 16 giorni, tra mostre, spettacoli, concerti, presentazioni di libri, convegni, serate enogastronomiche e suggestive rievocazioni storiche che hanno reso l’antico borgo di Corciano tra i più attivi protagonisti della realtà culturale umbra.

Tradizione, sperimentazione e originalità i tratti distintivi della manifestazione che ha registrato un netto aumento di presenze rispetto allo scorso anno; una crescita che promuove il grande impegno e la passione della comunità corcianese e di tutta l’organizzazione.

Grandioso il successo per la sezione dedicata al Teatro: “Molto rumore per nulla”, la tragicommedia prodotta da Farneto Teatro e dal Corciano Festival, ha registrato il tutto esaurito per ognuna delle quattro repliche. Più che positiva l’affluenza per le mostre “Lauda ducem et pastorem” dedicata a Fulvio della Corgna (aperta fino all’8 ottobre nella Chiesa di San Francesco), “STIGMÂTA – Il tatuaggio nella storia” e per la Mostra-mercato dedicata ai Presidi Slow Food e le eccellenze dell’Umbria.

Ottima riuscita anche per la programmazione musicale del Festival, curata dal Maestro Andrea Franceschelli, che ha attraversato diversi generi, dalla musica jazz alla classica passando per quella d’autore e popolare. Tra i numerosi concerti da ‘tutto esaurito’ quelli dell’interprete Silvia Mezzanotte e dell’attore teatrale e cantante Moni Ovadia, fino all’esecuzione nella serata finale del sassofonista Federico Mondelci e del pianista umbro Manuel Magrini a cui è stata affidata l’apertura il 5 agosto.

Pienone per gli incontri letterari, a cura di Giovanni Dozzini, che hanno ospitato il Premio Strega Antonio Pennacchi, lo scrittore Fabio Stassi con la Compagnia palermitana “Opera dei pupi Brigliadoro”, Alberto Rollo finalista al Premio Strega 2017, lo scrittore bolognese Gianluca Morozzi per un omaggio a Paolo Villaggio, ed Eugenio Raspi finalista al Premio Calvino 2016.

Ospite d’eccezione -che ha inaugurato il nuovo filone dedicato all’enogastronomia d’autore- la star di MasterChef Stefano Callegaro con tre cene esclusive, in linea con la manifestazione: tra i sapori tradizionali e la sperimentazione di nuovi ingredienti.

In crescendo il successo per le Rievocazioni storiche in costume del ‘400, che si confermano il vero cuore pulsante della manifestazione.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi