Figure del limite: il nuovo libro di Alessandro Gatti e Samuele Strati

figure del limite

Arpie, sfingi e altri “mostri ibridi”, che accompagnano da sempre la storia dell’uomo, sono i protagonisti di Figure del limite. Estetica dell’ibrido tra arte e filosofia (Graphe.it edizioni), il nuovo libro dei giovani studiosi umbri Alessandro Gatti, laureato in beni culturali all’Università degli Studi di Perugia e ora al lavoro su una tesi sul “non-finito” nella scultura del Rinascimento, e Samuele Strati, laurea in filosofia e scienze e tecniche psicologiche all’Ateneo perugino dove sta proseguendo la propria formazione.

Considerato talvolta simbolo del disordine e della violazione dell’ordine del cosmo, talvolta apparizione prodigiosa o segno premonitore, l’ibrido terrorizza e ammutolisce, ma al contempo affascina e incuriosisce proprio per la sua capacità di infrangere la regolarità della riproduzione e la continuità della consuetudine. La sua è una natura mostruosa: abita luoghi liminari, si manifesta occasionalmente, confonde con la sua morfologia costitutivamente ambigua. L’ibrido è una figura del limite: rivela un confine, vive ai margini dell’esperienza. Nel suo saggio, Alessandro Gatti analizza la rappresentazione di due ibridi della tradizione mitologica – l’arpia e la sfinge – a partire da fonti artistiche rinascimentali e barocche, allo scopo di indagarne la sovrapponibilità iconografica. Samuele Strati, invece, propone una riflessione sulla mostruosità focalizzandosi sul “luogo del mostro” e sulla contaminazione che dà origine all’ibrido, confrontando la prospettiva tradizionale e le recenti teorie postumaniste.

Figure del limite. Estetica dell’ibrido tra arte e filosofia è il sesto volume della collana “Semi per il futuro” inaugurata da Graphe.it in collaborazione con Gallinae in Fabula (piattaforma di volontariato e ricerca sui temi degli animal studies e dell’ecologia) per affrontare lo studio dell’animalità, dell’etica animale, dell’ecologia e, più in generale, il rapporto che intratteniamo con gli animali e con la natura, analizzato nelle molteplici forme in cui si struttura e si manifesta attraverso brevi saggi di giovani studenti – dalla triennale al dottorato di ricerca. La collana nasce come luogo di incontro per ‘i protagonisti del futuro’, gli studiosi e le studiose della nuova generazione che, inevitabilmente, rivestiranno importanti ruoli nel dibattito per la ridefinizione delle nostre relazioni con il mondo vivente.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi