Gino Paoli incanta il pubblico di Umbria Jazz

gino paoli umbria jazz '19

Un eccezionale Gino Paoli incanta il teatro Morlacchi che gli dedica in finale una standing ovation lunghissima, che commuove l’artista stesso, arrivato in un festival come Umbria Jazz sicuramente non abituato alle sue sonorità.

Il concerto si apre con piccole canzoni ‘essenziali’ senza ritornelli, completamente fuori dagli schemi. Poi un’intervista sul palco dove Gino Paoli ricorda i suoi amici di sempre, ormai scoparsi, come Tenco, De Andrè, Bindi, Endrigo e Lauzi, tutti della scuola di cantautori genovesi degli anni sessanta.

Nella terza parte spazio al suo repertorio sicuramente il momento più  magico del concerto, dove la parole riescono ad emozionare a far emergere ricordi. “La gatta” apre e “Ti lascio una canzone” chiude,  in mezzo tante parole, dolci, d’amore, quelle che fanno bene al cuore che raccontano 83 di vita e di musica d’autore italiana.

Umbria Jazz 2019 conferma la sua immensa apertura e duttilità ad un pubblico che non la tradisce mai, neanche sotto i temporali.

Gli appuntamenti proseguono con un fuoco di fila di concerti, sia gratuiti che a pagamento, che coinvolgono tutta la città, dagli stadi agli angoli di strada. Consulta il programma completo QUI

Donatella Binaglia

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi