Greenpeace: disastri ambientali, come li vedono web, tv e carta stampata

Greenpeace partecipa anche quest’anno al Festival internazionale del giornalismo di Perugia con un incontro sull’informazione in occasione di disastri ambientali, mettendo a confronto il tradizionale lavoro di reportage dal campo e lo storytelling che si fa sui media digitali.

Sui media si parla di ambiente soprattutto in occasione di disastri, ma con l’arrivo di Trump alla Casa Bianca la questione dei cambiamenti climatici e delle scelte energetiche è sempre più al centro del dibattito. Di tutto questo si parla giovedì 6 aprile alle 18:30 presso il Centro Servizi G. Alessi con Riccardo Chartroux inviato e conduttore del Tg3 RAI, Sara Gandolfi esperta di politica estera e ambiente de Il Corriere della Sera, Brian Fitzgerald, una vita passata in Greenpeace e ora anima di Dancing FOX, che si occupa di storytelling digitale e cybertattivismo.

«Il Festival è un appuntamento molto importante per chi fa il nostro lavoro, dove ci si confronta sui differenti modi di fare giornalismo oggi», afferma Andrea Pinchera, direttore della Comunicazione di Greenpeace, che modera l’incontro. «Oltre alla questione del racconto dei disastri ambientali, affronteremo anche il tema delle fonti, delle immagini che chiunque può diffondere in rete, del contributo dei social, del rischio di proliferazione di notizie false e di come tutto ciò modifichi il lavoro dei giornalisti e la loro responsabilità».

 

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi