Luigi Mancinelli: Orvieto celebra i cento anni dalla morte del compositore

luigi mancinelli

La Città di Orvieto ha ricordato, lo scorso 2 Febbraio 2021, i cento anni dalla morte del suo più illustre cittadino, il grande compositore e direttore d’Orchestra, Luigi Mancinelli, deceduto improvvisamente a Roma nel 1921. Una morte che privò l’Italia e il mondo della musica classica, di uno dei protagonisti più conosciuti e apprezzati del suo tempo. Nato a Orvieto il 5 febbraio del 1848, Luigi Mancinelli è stato uno dei direttori d’orchestra più importanti della sua epoca, calcando i palcoscenici dei maggiori teatri italiani oltre a quelli internazionali tra i quali il Metropolitan di New York, il Colón di Buenos Aires, il Covent Garden di Londra e il Teatro Reale di Madrid.

Una fama musicale planetaria che oltre a quella di direttore d’orchestra gli riconosceva grandi doti di compositore. Vasta è la produzione musicale di Luigi Mancinelli che spazia dai brani per strumenti solisti, alle voci maschili e femminili, al repertorio bandistico, al coro, ma soprattutto all’orchestrazione di poemi e opere liriche che tutt’oggi vengono riscoperti ed eseguite.

Nel centenario della scomparsa di Luigi Mancinelli il Comune di Orvieto, intende celebrare questa importante ricorrenza con un primo programma di eventi-online organizzato dalla Scuola Comunale di Musica “Adriano Casasole”, che dallo scorso 2 febbraio, insieme alla Filarmonica Luigi Mancinelli, raccoglie l’eredità di quella tradizione culturale che nella seconda metà dell’Ottocento si rappresentava nell’Istituto Musicale di Orvieto.

Lo scorso 2 Febbraio, giorno della ricorrenza, è stato trasmesso online, sui canali Facebook e YouTube della Scuola Comunale di Musica “Adriano Casasole” il primo dei 4 appuntamenti del “Mese Mancinelliano”, in cui si alterneranno momenti musicali a interventi culturali che tracceranno la storia di Luigi Mancinelli.

“La complessa situazione che sta vivendo il mondo della cultura e della musica in particolare non ci ha fatto certo desistere nell’organizzare nel mese di Febbraio un cartellone di eventi che potesse ricordare la figura del grande compositore e direttore d’orchestra Luigi Mancinelli – spiega il presidente della Scuola Comunale, Gabriele Anselmi – con questa idea nasce la prima edizione del ‘Mese Mancinelliano’ perché è nelle intenzioni del Comune di Orvieto e della Scuola Casasole iniziare da questo centenario a programmare ogni anno degli eventi che possano ricordare culturalmente e musicalmente la figura non solo di Luigi Mancinelli, ma anche del fratello Marino e dei grandi personaggi della storia musicale della città.

I quattro eventi multimediali che saranno pubblicati in questo mese sui canali social della Scuola, trasmessi dall’emittente televisiva RtuAquesio e riprese da altre testate online della città, sono la prima parte di un programma di eventi mancinelliani che occuperanno la città fino al prossimo anno”.

“Con l’intenzione di valorizzare e rendere merito alla musica e ai musicisti orvietani – aggiunge – si stanno infatti programmando (in attesa di comprendere quando sarà possibile tornare ad esibirsi in pubblico) altri eventi che prevederanno tra l’altro: una pubblicazione musicale dedicata alle opere di Mancinelli, un concerto che unirà tutte le istituzioni musicali attive in città e altre collaborazioni con realtà musicali legate ad Orvieto. Uno sforzo importante per la Scuola Comunale di Musica reso possibile grazie al sostegno dell’Amministrazione cittadina, la collaborazione di realtà culturali come la Filarmonica Luigi Mancinelli, l’Università delle tre età – Unitre, il Teatro del Carmine, il Consorzio del Vino di Orvieto e altre istituzioni cittadine che affiancheranno la Scuola nella realizzazione dei progetti estivi. Il ringraziamento più sentito va rivolto ai docenti della Scuola Comunale di Musica ‘Adriano Casasole’ che a vario titolo sono impegnati e saranno impegnati nella realizzazione degli eventi mancinelliani, un patrimonio di professionalità e competenze che da assoluto lustro alla città di Orvieto”.

Il “Mese Mancinelliano”, per il coordinamento artistico del Maestro Riccardo Cambri, si sviluppa in quattro appuntamenti, due di tenore musicale e due di tenore culturale.

Dopo il primo appuntamento del 2 febbraio scorso dal titolo “Echi Cameristici” l’appuntamento è per il 14 febbraio con il secondo appuntamento, dal titolo “La sua Orvieto a Cavallo del 900” e curato dall’Unitre di Orvieto. Testimonianze storiche sull’Orvieto al tempo di Luigi Mancinelli, curate dall’Architetto Raffaele Davanzo.

Il 21 Febbraio nuovo appuntamento musicale dal titolo “Melodie dal Novecento”. Sarà affrontato il repertorio vocale di Luigi Mancinelli con due composizioni cantate dal Maestro Silvia Cerquaglia (Soprano) e accompagnate al pianoforte dal Maestro Riccardo Cambri, e infine un romanza per violino e pianoforte eseguita dal Maestro Dino Graziani.

A chiudere il “Mese Mancinelliano”, il 28 Febbraio saranno le “Lettere e Rimembranze” selezionate dall’epistolario mancinelliano e lette dal dottor Alberto Romizi per la consulenza culturale del dottor Antonio Mariani, autore delle più importanti pubblicazioni su Luigi Mancinelli. Tutti gli eventi saranno registrati al Teatro del Carmine di Orvieto e autoprodotti dalla Scuola Comunale di Musica “Adriano Casasole” con il supporto tecnico del maestro Gabriele Tardiolo.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi