Mamme e disabilità: a Fratta Todina un’occasione di riflessione e divulgazione

mamme e disabilità

Maternità e disabilità, un confronto complesso, intenso e doloroso, in cui è possibile però anche rintracciare percorsi di forza, speranza e inclusione che sono un messaggio fondamentale per l’intera società. Questo il fulcro dell’incontro “Mamme e disabilità nella società. Quello che le madri non dicono” organizzato dall’Associazione di promozione sociale e culturale Sovrapensiero con il Centro Speranza e tenutosi sabato 16 novembre presso la sede della struttura riabilitativa a Fratta Todina.

L’appuntamento su “Mamme e disabilità” è parte del più ampio progetto omonimo ideato ed attuato dall’Associazione Sovrapensiero, in collaborazione con la consigliera di parità della provincia di Perugia Gemma Bracco. Progetto che, attraverso iniziative ed incontri mette in risalto l’importanza della rete sociale per le famiglie con disabilità, ponendo specifica attenzione alla maternità e al suo delicato confronto con un figlio “speciale”.

“L’idea progettuale nasce proprio dall’esigenza di sapere di più su queste mamme “special” – ha spiegato Elena Capuccella, presidente di ‘Sovrapensiero’, che si è dedicata intensamente al progetto – Mamme che non si arrendono davanti alle difficoltà quotidiane, mamme che lanciano campagne e idee per aiutare i propri figli. Mamme, a cui il progetto dell’Associazione, intende offrire ascolto e spazio d’espressione, sensibilizzando la società e veicolando una conoscenza profonda e non scontata delle opportunità reali che possono migliorarne la vita e l’operato”

Il convegno di sabato 16 novembre “Mamme e disabilità nella società. Quello che le madri non dicono”, moderato da Donatella Binaglia, Vice Presidente di Sovrapensiero, è stato un momento di riflessione e divulgazione che ha coinvolto esperti del settore e testimonianze dirette, offrendo una lettura articolata del rapporto tra maternità e disabilità, ma soprattutto condividendo spunti, soluzioni e strategie per supportare l’inclusione sociale.

Dopo i saluti istituzionali da parte di Madre Maria Grazia Biscotti, direttrice del Centro Speranza, Gemma Bracco, Consigliera di Parità della Provincia di Perugia, Giuseppe Antonucci, Presidente dell’Associazione Onlus Madre Speranza e Gianluca Coata, Sindaco di Fratta Todina; gli interventi di professori, psicologi, avvocati e testimoni diretti,  hanno restituito le  molteplici sfaccettature di una realtà che travalica l’amore materno scontrandosi spesso con la società, in una dialettica controversa di garanzie e punti deboli, bisogni e, talvolta,  insensibilità.

Proprio sul ruolo della madre e sulla rilevanza del suo sentire si è focalizzato l’intervento di Bruna Grasselli, Professoressa di Didattica e pedagogia speciale Università degli Studi di Roma Tre:  “La cosa che mi ha sempre colpito nella mia esperienza di lavoro è lo iato tra quello che dicevano le madri e quello che dicevano gli psicologi, gli operatori e gli educatori. Esiste un gap tra questi due racconti, uno spazio, che la letteratura non coglie e in cui spesso risiede una ricchezza che non viene letta. Questa ricchezza è racchiusa proprio in quello che le mamme non dicono. Il ruolo della madre è fondamentale e rappresenta per gli operatori, per gli insegnanti e per l’intera società una guida autentica alla comprensione profonda della persona fragile che abbiamo di fronte”.

Ad approfondire, con la Professoressa Grasselli, l’aspetto psicologico del ruolo materno nella relazione con la disabilità anche Daniele Minelli e Roberta Mascioni, Psicologi del Centro Psicologia AST-CSMG di Gubbio e Alessia Marta, Assessora alle Politiche Sociali del Comune di Todi.

Il delicato tema degli strumenti per garantire, anche in una prospettiva futura, la sicurezza economica del figlio disabile è stato affrontato da Emma Contarini dello Studio Legale Avv. Emma Contarini, che ha parlato di “Luci e ombre del diritto di famiglia per la tutela del minore disabile” e da Massimo Giommini, Dottore Commercialista e revisore Legale. Nello Specifico Giommini ha evidenziato la necessità di sensibilizzare le famiglie invitandole ad appoggiarsi ad un team. Un team che coinvolga tutte le persone vicine al soggetto interessato e che sia in grado di lavorare al progetto di vita della persona fragile facendone il perno della sua tutela.

La seconda parte della mattinata è stata dedicata alle testimonianze dirette delle mamme e delle associazioni che lavorano a stretto contatto con loro. Tra gli interventi in programma particolarmente significativo è stato quello di Sara Papa mamma di Azzurra che ha parlato delle Sfide quotidiane di una vita da mamma in versione special, ponendo l’accento anche sulla mancanza di un’adeguata assistenza psicologica che supporti le madri al momento in cui viene comunicata loro la diagnosi di disabilità del figlio.

A seguire anche gli interventi di Donatella Binaglia (Mamma di Anna) intervenuta sulla relazione tra “l’ascolto della disabilità e l’ascolto di se stessi”. Sul versante dell’associazionismo hanno invece partecipato alla discussione Gianluca Maggesi Presidente FIADDA Umbria, Claudia Piccionne e Antonella Romansi rispettivamente Coordinatrice della Comunità per Mamme e bambini Controvento e Psicologa della Comunità.

A chiudere l’incontro Raffaele Goretti Presidente dell’Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità che ha illustrato lo scenario della disabilità in Umbria, definendo le prospettive d’inclusione sociale tra pari opportunità e diritti di cittadinanza.

Elena Capuccella

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi