L’alba di Raffaello a Perugia. E’ del Maestro la Crocifissione in S. Agostino

raffaello a perugia oratorio sant'agostino
Una sensazionale riscoperta: è di Raffaello la Crocifissione nell’oratorio di Sant’Agostino a Perugia. Dopo trent’anni, Luca Tomio rilancia la scoperta di Filippo Todini
Proprio questa mattina abbiamo dato la notizia della presenza di Luca Tomio a Perugia, una delle località interessate dalle riprese del documentario “Raffaello. Il genio sensibile”, realizzato in occasione delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte del Maestro e promosso dal Comune di Urbino e dalla Regione Marche.
San Francesco al Prato, San Severo, i palazzi Ansidei di Catrano e Conestabile della Staffa: con la troupe della Sydonia Production Tomio toccherà tutti i luoghi raffaelleschi di Perugia, con l’eccezionalità di un luogo in cui il tempo si è fermato, non una, ma due volte.
Grazie all’attuale Amministrazione Comunale e al Sodalizio Braccio Fortebracci, Tomio è stato accompagnato dal priore Reginaldo Ansidei nell’oratorio più antico di Sant’Agostino, nel quartiere di Porta Sant’Angelo: la famiglia Ansidei e questo oratorio sono stati centrali nelle vicende che hanno visto il giovane Raffaello entrare a Perugia, proprio grazie al Pintoricchio che, a Porta Sant’Angelo, era nato e aveva casa e bottega.
Un viaggio nel tempo a cui se ne è  aggiunto un altro, di trenta anni, perché Tomio è stato accompagnato a vedere una Crocifissione cheraffello a perugia oratorio sant'agostino già Filippo Todini, il massimo esperto di arte umbra del Rinascimento, aveva attribuito al giovane Raffaello appena arrivato a Perugia. A vedere l’opera con Tomio, oltre a Guido Barbieri, comandante del Nucleo CC Beni Culturali dell’Umbria e alla Soprintendente ai Beni Archivistivi dellUmbria Giovanna Giubbini, era presente Marcello Castrichini, celebre restauratore che, con Todini, aveva analizzato l’opera trent’anni fa e che ha confermato una particolare e innovativa tecnica adottata nella realizzazione dell’opera. Castrichini ricorda che già il Guardabassi, a metà 800, nel famoso Indice, menzionava l’opera come di mano del “miglior allievo di Perugino”.
Secondo Tomio “Non è certo un caso che l’alba di Raffaello si trovi a Perugia, in uno stile già innovativo ma ancora debitore dei modi sia di Pintoricchio che di Perugino al Collegio del Cambio”.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi