Raniero Mengarelli: a Lugnano un pannello in ricordo dell’archeologo

raniero mengarelli
Dopo l’intitolazione della piazza avvenuta nel 2017, si torna a parlare di Raniero Mengarelli e di Archeologia con un’iniziativa dell’Amministrazione Comunale in collaboraziohe con l’Associazione Il Lucumone di Roma e con l’Associazione Suodales di Roma, per un doveroso tributo a Raniero Mengarelli, nato a Lugnano in Teverina nel 1865, uno tra i più importanti e innovativi archeologi del ‘900, che ha costruito le fondamenta dell’archeologia moderna e della valorizzazione del patrimonio culturale.
Sarà l’occasione per inaugurare un pannello info-commemorativo donato dall’Associazione Il Lucumone nella piazza già dedicata a Mengarelli nel 2017, in modo che concittadini e visitatori possano conoscere meglio questa figura.
Durante la cerimonia, alla presenza delle Autorità locali, è prevista anche la presenza personaggi in costume con zilath e opliti etruschi.
Parafrasando… questo è solo un piccolo gesto… ma alla fine le grandi svolte epocali, quelle che fanno cambiare il modo di essere e di pensare, sono fatte da tante piccole azioni di tante persone. E allora, ricordiamo e valorizziamo il nostro passato per costruire il futuro!
Appuntamento domenica 30 Maggio 2021 ore 12 nella piazzetta di Largo Mengarelli.
Raniero Mengarelli nato a Lugnano in Teverina nel 1865, dopo aver lasciato il paese da giovane, scavò per tutto il centro Italia ottenendo grandi risultati e scoperte dal punto di vista archeologico.
Raniero Mengarelli fu tra i primi collaboratori del Museo di Villa Giulia (oggi Museo Nazionale Etrusco), contribuì fortemente alla ripresa dell’Istituto dalla crisi che l’aveva investito alla fine dell’Ottocento ponendone a repentaglio l’esistenza. Il suo nome è legato soprattutto alle esplorazioni e agli scavi condotti a Cerveteri, l’antica Caere, e nel Lsuo territorio, fino ed oltre il collocamento a riposo nel 1933, ed in particolare al disseppellimento della necropoli della Banditaccia ove Mengarelli riportò in luce oltre un migliaio di tombe, restaurò i prospetti e gli interni monumentali, rese percorribili le vie che la solcavano. Abile valorizzatore della necropoli cui dedicava la sua instancabile attività di scavatore Raniero Mengarelli fu tra i primi in Italia a valersi del mezzo cinematografico per illustrare a fini propagandistici le scoperte effettuate: con l’Istituto Luce realizzò nel 1929 un cortometraggio che lui stesso utilizzò in seguito con successo in pubbliche conferenze.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi