A Scheggino Noa in concerto per “La voce della terra”

Il 28 agosto a Scheggino arriva Noa; una delle voci internazionali più emozionanti. Nell’ambito del progetto “La voce della terra”, ideata e organizzata da Visioninmusica, l’interprete israeliana proporrà dal vivo, insieme al chitarrista, arrangiatore e direttore musicale Gil Dor, Or Lubianiker al basso e Gadi Serialle percussioni, il suo nuovo progetto discografico, “Letters to Bach” (Believe International).

Il disco, prodotto dal leggendario Quincy Jones, contiene 12 brani musicali del compositore tedesco Johann Sebastian Bach arricchiti dai testi di Noa in inglese ed ebraico, ispirati a temi che spaziano dalla sfera personale a una più universale.

Una musica che va oltre i confini di genere musicale e della lingua, capace di parlare al cuore delle persone e di emozionarle, creando un punto di contatto tra di loro. Un omaggio al compositore tedesco unita alla capacità di sperimentare di un’artista che in 28 anni di attività ha saputo attraversare stili e argomenti, sempre in perfetta armonia tra di loro.

“La voce della Terra” è un progetto incentrato sull’incontro tra territorio e linguaggi artistici per valorizzare i borghi della Valnerina e in particolare quelli colpiti dal terremoto, aprendo al contempo lo sguardo su nuovi orizzonti di sviluppo responsabile e maggior qualità nell’offerta turistica integrata. Il concerto di Noa si inserisce in un programma musicale che negli scorsi due anni si collegava intrinsecamente a “Il Jazz italiano per le Terre del Sisma”, l’evento di solidarietà nato per iniziativa del MIBAC e del mondo dello spettacolo al fine di mantenere alta l’attenzione sulle comunità colpite dai tragici eventi sismici del 2016, e che ora, proprio con “La voce della terra” punta a muoversi nella direzione di una rinascita complessiva del territorio che passi anche e soprattutto attraverso la valorizzazione della cultura e dello sviluppo turistico.

Nella rassegna, pensata per i territori del comune di Scheggino e Sant’Anatolia di Narco, il jazz e le sue contaminazioni si fonderanno per due giorni con la natura, storia, cultura ed enogastronomia, coinvolgendo non solo musicisti, giornalisti e professionisti del settore, ma anche le associazioni locali, la pro loco e i produttori agricoli ed economici del territorio, al fine di dare vita a un cartellone di appuntamenti in grado di rispondere a diversi target di pubblico e a contribuire ad un nuovo trend di rinascita turistica per la Valnerina.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi