Sostare in emergenza: il progetto dell’Ordine degli Psicologi dell’Umbria

sostare in emergenza

Il progetto Sostare in emergenza ha l’obiettivo di non lasciare soli i professori in questo momento di emergenza.

Riorganizzare la quotidianità dei nostri ragazzi è lo scoglio da superare in questo momento. Il Coronavirus ha modificato il modo di relazionarsi dei giovani spostandolo sempre di più in quello schermo di telefono, di computer e di tv che ormai contiene ogni cosa, dalle emozioni alle parole alla realtà.

Diciamoci la verità sta accadendo tutto ciò che non volevamo. Le lezioni scolastiche toglievano i ragazzi dal telefonino e i docenti invitavano i ragazzi a vivere le emozioni dirette, reali quelle che solo una comunicazione di persona può dare. Il covid-19 ormai autorizza a vivere dietro uno schermo.

A questo proposito scende in campo il gruppo di psicologia scolastica dell’Ordine degli Psicologi dell’Umbria che  promuove il progetto “Sostare in emergenza”. Sarà inviato all’Ufficio Scolastico Regionale, ed è rivolto al mondo della scuola, dagli studenti ai docenti, ma anche alle famiglie «che stanno operando con notevoli sforzi riorganizzativi per garantire la quotidianità degli apprendimenti . In questo complicato momento – spiegano gli psicologi – da professionisti sentiamo l’obbligo morale di non lasciare soli i professori. La proposta è quella di lasciare uno “spazio libero” dove potrete riporre le vostre risorse, capacità ed energie, quelle che state mettendo in campo in un momento così faticoso. Uno spazio dove accogliere le vostre parole, preoccupazioni, racconti, emozioni, pensieri e fantasie. Uno spazio dove noi dall’altra parte, con competenze e professionalità, saremo pronte a ricevere, ordinare, trasformare e restituire tutto ciò che vorrete condividere, tutto ciò che vorrete donarci o di cui volete liberarvi».

La modalità: il GdL scuola (al progetto partecipano Elena Arestia, Marta Barcaccia, Marina Biasi, Nicolina Caiafa, Francesca Cortesi, Caterina Cutuli, Federica Falcinelli Silvia Giorgetti, Susanna Renga, Silvia Salvarelli, Carola Sorrentino, Antonella Torzuoli) proporrà periodicamente un argomento cui si potrà fare riferimento per raccontare le proprie esperienze sotto tutte le forme possibili: scrittura, disegno, collage, emoticon, creazioni ed espressioni di ogni genere.

Le esperienze potranno essere inviate via mail a psi.scolastica@ordinepsicologiumbria.it e, una volta ricevute dagli psicologi, verranno pubblicati spunti di riflessione.

Donatella Binaglia

Foto di Jan Vašek da Pixabay

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi