#sosteniAmo: un’idea per aiutare i lavoratori più colpiti dalla crisi

#sosteniamo

L’instancabile gruppo Rare Special Powers, con la sensibilità che lo contraddistingue, lancia l’hashtag #sosteniAmo per aiutare le categorie in crisi invitando tutti a dare loro una particolare visibilità sui social

L’idea è molto semplice, condividere foto o video sui propri social (Facebook, Instagram, Twitter, etc.) usando l’#sosteniAmo e taggando il bar, il ristorante, il negozio o l’ufficio nel quale si è comperato qualcosa o usufruito di un servizio qualsiasi. L’obiettivo è quello di creare un circolo virtuoso grazie al quale, con un gesto molto semplice e che spesso facciamo già in molti, in modo da aiutare le categorie lavorative attualmente più colpite dalla crisi, affinché possano avere e ricevere, non tanto pubblicità, quanto solidarietà, quella di cui spesso si parla ma che troppo poco invece viene applicata nel concreto.

Perché #sosteniAmo? Per alcune ragioni molto precise, il verbo “sostenere” implica una bidirezionalità tra una persona che aiuta e quella che lo riceve, una volta aiuto te e la prossima volta aiuti me. Si è in questo insieme.

Il verbo viene inoltre declinato al plurale per dare il senso della comunità. La desinenza -Amo è un chiaro richiamo al verbo “amare” e mai come oggi abbiamo bisogno di amore.

Non sono stati messi, volutamente, nomi di regioni o località perché questo progetto riguarda tutta l’Italia, non solo Assisi (in cui le ideatrici vivono), non solo l’Umbria, ma il Paese intero.

L’idea della condivisione libera di immagini o video nei profili personali, evita inoltre la maleducazione di alcuni leoni da tastiera che avvelenano gruppi Facebook, nati con buone intenzioni ma che poi purtroppo deviano verso situazioni spiacevoli e da inoltre la possibilità di usare qualsiasi piattaforma social si abbia a disposizione da Facebook a Instagram passando per Twitter.

#sosteniAmo nasce dallo scambio di opinioni su un post condiviso su Facebook e dalla voglia di poter fare qualcosa, anche se in piccolo, per dare un segnale concreto di aiuto, atto a controbilanciare lo sterile lamentarsi. Nasce da due amiche, Michela Mazzoni ed Eleonora Passeri che si confrontano sul come poter mandare un messaggio positivo, dal gruppo del Rare Special Powers che ha messo a disposizione le proprie idee e con il contributo di Michela Parroni che ha creato l’immagine del progetto.

Il gruppo invita tutti a dimostrare solidarietà e vicinanza a chi oggi sta cercando di tirare su la testa e ripartire, rimboccandosi le maniche, chiedendo di aiutare i titolari o i gestori di esercizi pubblici che conosciamo già da tempo perché magari è il nostro gelataio o barista di fiducia o il giornalaio sotto casa o la parrucchiera che ci ha tagliato i capelli fin da piccoli o, ancora, il negoziante da cui andiamo e ci serviamo da anni perché ci fidiamo.

“Tutti noi conosciamo i loro nomi, volti e storie, non sono numeri – affermano le ideatrici -, sono persone e a volte sono amici o gente di famiglia. Aiutiamoli, per aiutarci noi come società “civile” – degna di definirsi tale – dovrebbe fare, perché le parole anche se belle non servono a nulla se non sono seguite poi da gesti concreti e anche piccoli. Quante volte abbiamo fatto una foto o un video appena uscite dalla nostra parrucchiera dopo la piega o con un vestito nuovo taggando il negozio di una nostra amica? Quante? Tante. Bene, continuiamo a farlo, solo ora aggiungiamo l’#sosteniAmo!”

Gli Italiani hanno un grande cuore e siamo certe che lo dimostreranno anche oggi… un vecchio detto dice “da soli si può andare più veloce, ma insieme si va più lontano”. Voi da che parte state?

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi