Il supercomputer Watson meglio di dr. House

IBM Watson supercomputer

Il supercomputer Watson, il sistema di intelligenza artificiale in grado di rispondere a domande, di cui già Umbria e Cultura si è già ampiamente occupata, ha dato un’ulteriore prova delle sue capacità in campo medico.

Grazie alla diagnosi di questo supercomputer realizzato da IBM, ottenuta dopo appena dieci minuti, i medici dell’università di Tokyo hanno potuto applicare una nuova terapia, dopo che le precedenti si sono rivelate del tutto inefficaci, ad una donna affetta da una rarissima forma di leucemia.

Il database di Watson, con oltre 20 milioni di casi, ha permesso di correggere la diagnosi dei medici di  leucemia mieloide acuta in una forma di leucemia ancora più rara.

La nuova terapia adottata sembra finora dare i risultati sperati.

 

Giulio Pocecco

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi