Poesia. Vacanze Romane

estate in città

St’estate de qua, st’estate de là Lo chiedi all’amici: Che demo da fa’? Partimo, ‘nd annamo, mare o montagna? D’estate cor callo me pia la cicagna Annamo in un posto pieno de vita C’è stata n’amica e s’è divertita Lì se sta bene, er mare è ‘na bomba Se balla, se beve, se ride e se tromba! Annamo cor treno,…

Read More

Poesia. A che te serve

ricchezza e povertà

A che te serve esse arto se poi nun sei all’artezza? Oppure esse bello si drento de te nun c’è bellezza? A che te servono li sordi si nun conosci la ricchezza? Oppur ave’ cento diplomi si te manca la saggezza? A che te serve ‘na gran casa ma nessuno che l’apprezza? Oppure tanta gente intorno ma nemmeno… ‘na carezza?…

Read More

Poesia. Sora Rosa e Serenella

le età della donna klimt

Sora Rosa era ‘n cucina dalle sei della matina. Impastava e poi stendeva mai ‘n minuto se sedeva. Serenella n’arrivava, eppure quanto ce contava! Alle dieci s’è degnata co’ la faccia assai imbronciata. “Serene’, ‘a disgraziata! Che te sei dimenticata? Forza, famo colazione. Spiega a mamma ‘sto musone”. Dopo fece più attenzione e vide la disperazione: “Fija mia, che t’è…

Read More

Poeti der Trullo: Roma è poesia…

campo de fiori

Quanno fa buio e scompare ‘r sole penso alla pelle tua profumata. E resto così, senza parole… Do’ sei finita? Dove sei annata? Quanno sto solo, co’ ‘na poesia… Quanno de notte abbraccio er cuscino… Quanno je volo co’ la fantasia… Me sento immaturo, un regazzino. Quanno sorrido, quanno che scrivo, quanno m’addormo co’ un solo pensiero. Quanno combatto, quanno…

Read More

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi