Al Calvi Festival la XXI edizione della Mostra Mercato “Tra pomi e fiori”

mia martini raccolta differenziata calvi dell'umbria tra pomi e fiori

Nell’ambito della lunga programmazione del Calvi Festival 2020, fra gli eventi speciali delle tradizioni calvesi, torna “Tra pomi e fiori”, la Mostra Mercato florovivaismo, pittura, botanica, artigianato giunta alla sua ventesima edizione, a cura della Pro loco. “Tra pomi e fiori” si svolgerà nei giorni 29 e 30 agosto dalle ore 10:00 alle ore 20:00 ed è l’unico evento che avrà luogo in piazza Mazzini e nelle vie limitrofe, nel rispetto delle normative di sicurezza anti covid-19.

La piazza centrale si trasformerà in un giardino colorato, abbellito dalla presenza dei numerosi stand che esporranno prodotti vari e per tutte le esigenze da pollice verde fra cui alberi da frutto di antiche qualità, agrumi, piccoli frutti, aromatiche, erbacee perenni, bulbose, garofanini, rampicanti, ortensie, rose, salvie, orticole, peperoncini, piante da secco, bonsai, libri di botanica, prodotti di bioagricoltura e tanto altro. Inoltre sarà allestito l’angolo dello scambio, con la possibilità di scambiarsi le piante. Il biglietto di ingresso è di Euro 3 (Tre). Sarà allestito anche uno stand gastronomico con cibi da asporto che sarà aperto sabato 29 agosto (pranzo e cena) e domenica 30 (solo a pranzo), nel Giardino del Monastero. Inoltre, con il biglietto di ingresso alla Mostra Mercato è possibile usufruire di uno sconto per la visita al Museo del Monastero delle Orsoline (aperto il sabato dalle ore 16 alle ore 19 e la domenica dalle ore 11 alle ore 13 e nel pomeriggio dalle 16 alle 19). Il museo si trova all’interno del vasto complesso monastico di Calvi dell’Umbria, progettato dall’architetto Ferdinando Fuga tra il 1739 e il 1743.

Abitato dalle suore dell’ordine delle Orsoline fino al 1994 e restaurato a più riprese nel primo decennio del Duemila, oggi ospita al piano terra di Palazzo Ferrini la collezione Chiomenti-Vassalli con centoventi opere tra dipinti, sculture, acqueforti, bassorilievi, medaglie e oggetti. Vi sono custoditi preziosi capolavori come La parabola dei ciechi di Pieter Brueghel, la Maddalena penitente di Guido Reni, il Ritratto della regina Cristina di Svezia di Jacob Ferdinand Voet,  il Ritratto del Cardinale Scipione Borghese di Lavinia Fontana, La fuga di Enea da Troia di Pompeo Batoni e la Veduta di Roma di Gaspar Van Wittel. Il Museo del Monastero delle Orsoline è stato riaperto il 6 giugno.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi