Da Todi un vino da Santa Messa prodotto con uve Grechetto

Calice

Un Vino da Santa Messa prodotto secondo quanto disposto dal codice di diritto canonico (“Vinum debet esse naturale ex genimine vitis et non corruptum”), norma richiamata con forza direttamente da Papa Francesco. E’ quello che, a seguito di un particolare percorso progettuale, ha preso forma a Todi, partendo da uve Grechetto selezionate nei vigneti di Spagliagrano dell’Istituto diocesano per il sostentamento del clero.

La vinificazione è poi avvenuta nella cantina sperimentale dell’Istituto Agrario di Todi, la scuola di agricoltura più antica d’Italia, con le operazioni seguite con particolare attenzione lungo tutta la filiera enologica, dal mostro al vino, mettendo in atto i procedimenti e i controlli disposti dallo canone 924 § 3 per i vini destinati alle celebrazioni liturgiche, fino al sigillo ecclesiale di Sua Eccellenza il Vescovo di Orvieto-Todi, Monsignor Benedetto Tuzia.

La produzione ha visto anche il coinvolgimento degli studenti dell’Istituto – che si occupa della commercializzazione del Berit (Alleanza), questo il nome dell’etichetta – e di richiedenti asilo e persone a rischio di marginalità afferenti alla fattoria sociale operante nell’azienda agraria della scuola tuderte. I ricavati andranno ad alimentare un fondo finalizzato alla formazione delle persone in condizioni di fragilità sociale individuate insieme a Caritas e Fondazione Crispolti.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi