Giove: un borgo a misura d’uomo all’ombra del maestoso Palazzo Ducale

sbandieratori corteo storico giove

Piccolo gioiello nello scrigno dei castelli amerini, Giove si impone per la maestosità del suo Palazzo Ducale, per la salubrità dell’aria, per la vita ed i rapporti a misura d’uomo, per la cultura che va a braccetto con l’enogastronomia.

Giove offre al visitatore, oltre a quanto già accennato, dei percorsi attraverso la campagna durante i quali è possibile imbattersi in vestigia di epoca romana, medievale e rinascimentale, in un connubio ideale tra storia, cultura e natura.

Gemma preziosa del borgo, come già accennato, il Palazzo Ducale, già esistente nel 1223, come testimoniano alcuni documenti, fu in origine una fortificazione a scopo difensivo. Distrutto ad opera di un cardinale Orsini per vendicare l’uccisione di un suo nipote ad opera dei Colonna, fu poi ricostruito nel 1400, i Farnese lo ammodernarono tra il 1514 ed il 1597, mentre i Mattei, duchi di Giove, successivamente ne ampliarono la costruzione.

E’ possibile ancora distinguere la parte più antica a sud, a tre piani, con un torrione a pianta circolare e quella più recente, a nord, che si sviluppa su sei piani di altezza e dove si apre l’ingresso principale.

Gli sfarzosi saloni del terzo piano recano soffitti affrescati con soggetti mitologici, mentre al quarto piano vi sono delle stanze adibite a prigione con, addirittura, un trabocchetto da dove venivano fatti precipitare i condannati. Le finestre sono ben 365, come i giorni dell’anno.

Un altro vanto di Giove sono i suoi sbandieratori, alcuni dei quali fanno parte della squadra nazionale di bandiera, ed i figuranti del corteo storico. Tale corteo si colloca in un preciso momento della storia del borgo: il 1557, anno dello “Statuto di Giove”, nel quale sono riportate, tra l’altro, le norme e le consuetudini risalenti al Medioevo. Tra la sessantina di figuranti, che sfilano in occasione di feste e rievocazioni, è possibile riconoscere il Signore accompagnato dalla corte di Dame e Cavalieri, il Prelato, i Paggetti, le cariche comunali, ovvero il Podestà, il Consiglio Generale, i Priori, il Camerlengo, il Castaldo ed il popolo festante.

di Benedetta Tintillini

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi