Roma Municipio XIII: perché il nome Castel di Guido?

castel di guido

Percorrendo la strada con l’auto in corsa si vede solamente una tabella che indica Castel di Guido – Comune di Roma e non ti chiedi dove sei ed il perché del nome del Borgo medioevale che attraversi così velocemente. Io me lo sono chiesto ed ho iniziato a fare delle ricerche per mio conto, sbagliando subito l’approccio perché, ingenuamente, sono andato a consultare il libro di Cicerone “ La Topica”, avendo saputo che questo è un sito che nell’antichità era denominato Lorium.
Poi mi sono reso conto che, molto spesso, i nomi che vengono che dati ad un territorio o a un borgo, derivano da eventi accaduti molti secoli prima; dunque, se questo luogo all’epoca dell’antica Roma era chiamato Lorium, dovevo spostare le mie ricerche verso l’anno mille e finalmente ho trovato.
Tra i vari documenti che ho consultato, il più esaustivo è stato quello che ho trovato scritto negli annali di Prudence de Troyes dove si legge testualmente: ”Guy, magravede Spolète accurt l’appel du Pape avec le concurs des Romaines il reporte une grande victoire sur les mecreants, battus par les milicies de la campanie romaine” ovvero: “Guido, margrave di Spoleto, accorse all’appello del Papa, e con il concorso dei Romani riporta una grande vittoria sui miscredenti, battuti con l’aiuto delle milizie della campagna romana”.
I fatti narrati avvennero nell’anno 846. La vittoria suscitò ammirazione tra i Romani che iniziarono a chiamare questi luoghi Castrum Guidi, in ossequio a Guido I Duca di Spoleto e Camerino, quindi è questa l’origine del nome Castel di Guido.

L’impiego e importanza della MILIZIA CONTADINA. La battaglia del Fiume Trebbia dell’anno 889 d.C. tra Berengario e Guido II da Spoleto. Trascrivo la cronaca della seconda giornata della guerra tra Berengario e Guido da Spoleto dove si legge testualmente Guerra del Trebbia del’889 d.C: Dopo una tregua, nella quale Guido poté rifare più numeroso e potente il suo esercito. La seconda giornata fu combattuta sul fiume Trebbia: stavano per Guido cinquecento fanti francesi capitanati da Ascanio di lui fratello, seicento cavalli sotto gli ordini di un Guaisino e di un Uberto, una schiera di giovani toscani, mille fanti di Camerino, cento pedoni guidati da un Alberico: un Ranieri guidava un’altra banda, trecento corazze un Guglielmo, e altre trecento un Ubaldo: seguivano parecchie migliaia di uomini di campagna (milizia di campagna) più usati, avvezzi, all’aratro che alle armi. Anche Berengario aveva con sé tremila Friulani capitanati da Gualfredo, a cui aveva ceduto o promesso il marchesato del Friuli, mille e cinquecento corazze guidate da Unroco, mille e duecento cavalli tedeschi, altri cinquecento cavalli sotto gli ordini di un Alberico e una forte schiera di fanti e milizie rusticane.
Il figlio di Guido I, Guido II aveva imparato dal padre l’importanza della Milizia di Campagna per vincere le battaglie come dimostra la cronaca sopra riportata.

Franco Leggeri

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi