Grande successo della scuola “Danzatrevi” alla rassegna umbra di danza

danzatrevi

Si può definire un successo la partecipazione della scuola comunale ‘Danzatrevi’ alla 25sima rassegna di danza, organizzata dall’Oplas di Umbertide, diretto da Luca Bruni e Mario Ferrari.

Una grande opportunità per la Scuola, situata da anni nei locali comunali in via della Stazione a Borgo Trevi, che, oltre a vivere una nuova esperienza formativa, mette in luce i propri giovani talenti.

“La nostra scuola di danza classica e moderna ha accolto con grande orgoglio l’invito a partecipare a una manifestazione che rappresenta un must nel panorama delle rassegne artistiche – ha commentato soddisfatta la direttrice Erica Ravagli. Con piacere ci siamo uniti al grande e altamente selezionato gruppo di scuole provenienti da tutto il centro Italia per festeggiare l’anniversario della prestigiosa rassegna umbra. Sono stati due weekend all’insegna della vera danza, una kermesse meravigliosa che ha visto i nostri allievi ricevere applausi calorosi e che contemporaneamente ci ha visto, tutti insieme, applaudire i tantissimi ballerini intervenuti. Abbiamo ritrovato scuole storiche e conosciuto nuove realtà dell’arte coreutica, in un pomeriggio all’insegna della gioia di condividere la comune passione per la danza. Tutto questo, accompagnati ancora una volta da genitori attenti, sempre presenti e consapevoli dell’impegno con il quale i ragazzi e gli insegnanti di ‘Danzatrevi’ affrontano insieme ogni nuova avventura”.

Un po’ di storia

La Scuola nasce nel 1977 e dall’anno accademico 1985-86 è diretta da Erica Ravagli.

Nel 1992 diviene Associazione Scuola Comunale di Danza Classica e Moderna ‘Trevi’, di cui il Comune di Trevi è socio fondatore con un rappresentante in seno al consiglio direttivo.

Il Comune di Trevi ha approvato la costituzione della Scuola Comunale di Danza classica e moderna ‘Trevi’, impegnandosi a mettere a disposizione della scuola sia i locali, sia tutte le attrezzature necessarie.

L’Associazione si ispira al principio sancito dalla Costituzione italiana: ‘L’arte è libera e libero ne è l’insegnamento’ ed ha per scopo l’insegnamento, la pratica e la promozione della danza classica e moderna, l’organizzazione di spettacoli per sostenere l’attività sociale e l’arte coreutica in particolare.

È evidente il fine di valorizzare e sviluppare l’aggregazione attraverso la realizzazione di momenti ludici, di attività culturali e formative volte a favorire un corretto e armonico sviluppo educativo dei giovani e come forma specifica di lotta al disagio giovanile.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi