Depressione: ne soffre il 20% della popolazione italiana

depressione

L’Italia non sembra essere un Paese di persone felici. Stress e disagio psicologico registrano dati allarmanti nella popolazione e sono in continua crescita. A questo proposito l’Ordine degli Psicologi ha condotto un’indagine, dalla quale è emerso che, in Umbria, la depressione colpisce il 20% della popolazione.

I dati italiani

A livello nazionale, i dati parlano chiaro e puntano il dito su una preoccupante soglia del 31% di italiani affetti da depressione. I sintomi ansiosi raggiungono il 32% e il distress tocca punte del 41%. E il Covid pare aver inciso: le percentuali aumentano tra chi ha fatto la quarantena. 38% di depressione, 57% di ansia.

Fra gli under diciotto la situazione registra un 48% di soggetti che lamentano sintomi post traumatici. In sintesi, ci si trova di fronte a un 4,5% di popolazione con conclamati disturbi mentali e a un 30% che vive una situazione di malessere. In Umbria un cittadino su cinque soffre di ansia costante, uno su due lamenta stati di agitazione frequente, il 19% è depresso, l’11% accusa attacchi di panico e il 47% si dichiara arrabbiato. Dati allarmanti, che richiedono un intervento immediato.

Benessere psicologico nei luoghi di studio e di lavoro

Gli italiani sono sempre più consapevoli dell’importanza del benessere psicologico. Il ricorso all’aiuto dello psicologo è percepito come una necessità, che aiuta a migliorare la qualità della vita e il benessere psico fisico.

Non è infatti un caso se c’è maggiore richiesta di una figura importante come lo psicologo all’interno delle scuole e sui luoghi di lavoro. Per questa figura professionale si aprono quindi numerosi sbocchi lavorativi interessanti, sicuramente delicati e complessi ma al tempo stesso assolutamente utili per il benessere psicologico dell’intera comunità.

L’ambito clinico o quello criminologico si affiancano all’opportunità di lavorare nelle risorse umane o nell’istruzione, per esempio. Inoltre, la possibilità di studiare la materia anche a distanza seguendo appositi corsi di psicologia online, rende questa laurea più accessibile: su siti specializzati come AteneiOnline si possono trovare tutte le informazioni necessarie sui percorsi di studio telematici. In questo modo anche chi lavora o vive lontano dall’università potrà conseguire il titolo.

Un tabù che persiste

Malgrado il disagio psicologico, nel nostro Paese andare dallo psicologo è ancora un tabù. Nonostante alcune iniziative regionali, a livello nazionale manca ancora molto da fare per giungere a dei risultati concreti.

Persistono stereotipi obsoleti, secondo i quali chi ricorre allo specialista viene etichettato come squilibrato. Viene alimentata la paura di mostrarsi con le proprie fragilità, si invita a farcela da soli, a non essere deboli, a non esagerare, a non fingere malesseri inesistenti e, nel caso delle donne, a non essere “le solite nevrasteniche”. Una mentalità da superare attraverso un lavoro su larga scala da organizzare al più presto.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi