Todi. A Michele e Emanuele Ciucci il premio #Lagricolturaègiovane

michele e emanuele ciucci

Arriva a Todi il premio #Lagricolturaègiovane, conferito ai fratelli Emanuele e Michele Ciucci proprietari dell’azienda agricola “La Valle di San Biagio” di Todi (PG), realtà a indirizzo cerealicolo premiata come la più smart & green secondo la giuria tecnica dell’Osservatorio Giovani agricoltori di Edagricole e Nomisma.

La loro realtà risulta infatti quella più aderente ai criteri di selezione adottati dalla Giuria tecnica, ovvero:
– propensione all’innovazione in particolar modo nella digitalizzazione aziendale, in linea con gli obiettivi tracciati dall’Unione europea nel Next Generation Eu;
– originalità nella trasformazione aziendale in ottica multifunzionale, multisettoriale e nell’evoluzione dei rapporti di filiera,
– capacità di promuovere lo sviluppo del proprio territorio e di creare opportunità per altri giovani imprenditori agricoli.
«Un’esperienza – afferma Lorenzo Tosi, giornalista Edagricole – che conferma che sono le nuove leve a diffondere il paradigma dell’agricoltura 4.0 nel nostro Paese, e allo stesso tempo che è la digital farming a innescare il necessario ricambio generazionale del comparto primario italiano. Una doppia evoluzione favorita dalla predisposizione all’innovazione dei nativi digitali, dalla migliore connettività e dalla disponibilità di nuovi dispositivi smart, efficaci
ed intuitivi».

“La Valle di San Biagio” è una realtà famigliare che produce con metodi di agricoltura integrata frumento tenero e duro, orzo, farro, cece, lenticchia, favino, girasole alto oleico, colza su un’estensione di 150 ettari in gestione diretta più 500 come contoterzisti.
L’ingresso dei due fratelli, alla guida dell’azienda dal 2016, ha comportato una profonda evoluzione aziendale in un duplice senso: Michele si occupa principalmente della gestione di campo conferendo una decisa svolta verso la digitalizzazione adottando strumenti come: Dss (sistemi di supporto alle decisioni), trattrici Gps, spandiconcimi a rateo variabile e presto anche una seminatrice RV; Emanuele ha dato un impulso decisivo verso la chiusura della filiera grazie all’investimento su un mulino alimentato con fonti energetiche rinnovabili per la produzione di farine di alta qualità e arrivando a commercializzare direttamente anche pasta di loro produzione.

Il premio è stato conferito da Marc Aupetitgendre Country Division Head Italy & Greece di Bayer CropScience nel corso dell’evento in diretta streaming: «Verso un’agricoltura più giovane e smart».

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi