Todi: la neviera che non c’era

neviera todi

La recente scoperta della neviera arricchisce il patrimonio culturale della città

 

di Benedetta Tintillini

 

Forse non tutti sanno che… a Todi, in un vicolo del suggestivo Rione della Valle Bassa, è stata da poco accertata la presenza di una neviera.

Grazie alla passione e (senza tema di esagerare) alla abnegazione degli instancabili Massimo Rocchi Bilancini e Valerio Chiaraluce dell’Associazione Toward Sky, è stato quindi possibile riscoprire e riscrivere un piccolo passo della storia cittadina.

Le neviere o ghiacciaie sono vestigia dell’epoca pre-industriale in cui, non esistendo i frigoriferi, venivano stoccate, in locali adatti allo scopo, le nevi invernali, che si sarebbero poi tramutate in ghiaccio.

Si tratta di ambienti sotterranei isolati termicamente, il ghiaccio prodotto avrebbe poi avuto i più svariati usi: dalla preparazione di sorbetti e bevande fresche, alla conservazione dei cibi, agli usi in medicina.

La neviera di Via delle Mura Etrusche venne realizzata dal medico Tobia Ottoni nel 1827, modificando un ambiente risalente ad epoca romana, precedentemente adibito a cantina.

Sulla parete di fondo del grande pozzo circolare è visibile la scala graduata che indicava lo spessore della neve immagazzinata.

 

Post correlati

2 Thoughts to “Todi: la neviera che non c’era”

    1. Grazie Harrison… vedi, le cose vecchie e sgangherate non passano mai di moda! (come le Fiat…) 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi