Arte Medievale. I capolavori della Galleria Nazionale dell’Umbria a San Pietroburgo

arte medievale arnolfo di cambio

I capolavori della Galleria Nazionale dell’Umbria sono protagonisti, da oggi fino al 22 agosto 2021, della mostra “Arte Medievale. I capolavori della Galleria Nazionale dell’Umbria” che si terrà presso il Museo statale Ermitage di San Pietroburgo. Per la prima volta, 40 opere di pittura, scultura e arte decorativa e applicata del XIII-inizio XV secolo appartenenti alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia attraverseranno il continente e saranno ospitate dalla Sala Nikolaevsky del Palazzo d’Inverno.

Le sale di una delle più importanti istituzioni culturali al mondo accoglieranno la mostra Arts of the Middle Ages. Masterpieces from the Galleria Nazionale dell’Umbria, curata da Marco Pierini, direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria e da Veruska Picchiarelli, conservatrice del dipartimento di arte medievale del museo, con la collaborazione di Zoya Vladimirovna Kuptsova del Dipartimento di Arte Europea Occidentale dell’Ermitage. L’esposizione presenterà circa quaranta opere conservate dal museo perugino, scelte tra dipinti, sculture e oreficerie di area centro-italiana (umbre, toscane e marchigiane) datate tra la fine del Duecento e i primi decenni del Quattrocento.

Tra queste figurano alcuni capolavori di artisti quali il Maestro di San Francesco, Arnolfo di Cambio, Vigoroso da Siena, Duccio di Boninsegna, Giovanni Baronzio oltre a Taddeo di Bartolo, Iacopo Salimbeni e Gentile da Fabriano, raffinatissimi cantori di quell’‘Autunno del Medioevo’ che si preparava ad accogliere le innovazioni del Rinascimento.

Il percorso si compone inoltre di oggetti di natura religiosa, dalla croce processionale al dossale, dal polittico al tabernacolo per la devozione domestica, particolarmente rappresentativi della spiritualità dell’epoca, ai quali si affiancano esempi di preziosi manufatti in uso nella società cortese, come la valva di scatola per specchio in avorio o il gemellion, un bacile per la pulizia delle mani presente sulle tavole, ornati da scene galanti che rievocano la raffinatezza di quel mondo.

La rassegna rende conto anche delle commissioni civiche per la città di Perugia, il racconto delle quali è restituito da elementi scultorei concepiti per la decorazione di opere di destinazione pubblica, come la fontana in pedis platee di Arnolfo di Cambio e il portale del Palazzo dei Priori.

L’eccezionale occasione offerta alla Galleria Nazionale dell’Umbria di trasferire temporaneamente all’Ermitage alcuni dei suoi capolavori, mentre sono in corso i lavori di riallestimento, la cui conclusione è prevista per la fine di quest’anno, ha offerto lo spunto per compiere nuovi studi e ricerche. Tra le scoperte, si segnala l’attribuzione di due tavolette ad altrettanti maestri riminesi, Baronzio e Francesco da Rimini, l’individuazione del patronimico (il ‘cognome’) del pittore senese Vigoroso Ranieri, finora indicato solo col nome di battesimo, il riconoscimento di Santa Marta (al posto di Dorotea) nella tavola di Andrea di Bartolo, la scoperta di iscrizioni finora trascurate del dossale del Maestro di San Francesco.

L’accordo di collaborazione siglato nel 2020 tra il Museo Statale Ermitage, la Galleria Nazionale dell’Umbria, la Regione Umbria, il Comune di Perugia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, con la collaborazione di Ermitage Italia e il supporto di Villaggio Globale International, ha prodotto un progetto di promozione e di valorizzazione in ambito internazionale della cultura umbra e del territorio che l’ha generata. La mostra  “Arte Medievale. I capolavori della Galleria Nazionale dell’Umbria” realizzata con il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura a San Pietroburgo e con i patrocini dell’Ambasciata d’Italia a Mosca e del Consolato Generale d’Italia a San Pietroburgo, in associazione con Antognolla Resort & Residences – farà seguito una mostra che sarà accolta, nell’autunno del 2022, dalle sale della Galleria, con una selezione di opere della collezione di arte italiana del Medioevo e del Rinascimento dell’Ermitage.

In foto: Arnolfo di Cambio, Assetata, elemento della Fontana degli Assetati, 1277 – 1281

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi