Lipu-Birdlife Italia: I Calendari venatori sono troppo lunghi

balia nera calendari venatori recall 6 tortora selvatica lipu caccia in calabria munizioni al piombo bracconaggio stagione venatoria

“Sono molte e gravi le mancanze dei calendari venatori regionali, che superano le date limite e permettono l’abbattimento di ben 17 specie in sofferenza, tra cui la tortora selvatica, specie “alpine” come il gallo forcello, varie anatre nonché beccaccino, tordo sassello e quaglia.”.

Lo dichiara la Lipu-BirdLife Italia alla vigilia dell’apertura generale della stagione venatoria 2022-23, domenica 18 settembre, dopo il ricco antipasto di preaperture effettuate in 13 regioni.

Le numerose infrazioni commesse dalle regioni con i loro calendari venatori, con la disattesa dei pareri dell’Ispra e delle date previste dai “Key Concept” della Commissione europea, ha spinto la Lipu e varie altre associazioni ambientaliste ad attivare un’intensa controffensiva giuridica. I ricorsi al Tar, presentati in molte regioni, hanno già prodotto risultati importanti: la sospensione della caccia al moriglione fino al 5 ottobre in Sardegna, il posticipo dell’apertura della stagione al 4 ottobre per ben 19 specie in Umbria, varie importanti restrizioni in Sicilia e la sospensione della caccia a uccelli acquatici, fagiano e quaglia fino al 1° ottobre in Campania, dopo che la Regione aveva disatteso, con una manovra in extremis, la richiesta dell’Ispra di tutelare gli acquatici nel mese di settembre.

A tali pronunce si aggiungeranno quelle che vanno a contestare le infrazioni commesse sulla chiusura della stagione venatoria, che secondo le indicazioni scientifico-giuridiche europee deve essere ormai ampiamente anticipata: al 20 gennaio per gli uccelli acquatici, al 10 gennaio per i turdidi, e al 31 dicembre per la beccaccia.

Poche le regioni che, almeno in parte e al momento (Abruzzo e Basilicata) si sono conformate alle prescrizioni, mentre risultano largamente insufficienti le adeguate tutele per la tortora selvatica, in grave declino ma cacciata ancora nonostante uno studio internazionale e la relativa Task force della Commissione europea ne chiedano l’azzeramento del prelievo venatorio anche in Italia.

“Il nostro grande sforzo scientifico e giuridico, con documenti inviati alle regioni e ricorsi al Tar – dichiara Aldo Verner, presidente della Lipu-BirdLife Italia – sta dando i frutti sperati ed è la premessa dell’azione massiccia che abbiamo programmato, inclusa la denuncia orizzontale alla Commissione europea contro il sistema della caccia in Italia.

“Le regioni – prosegue il presidente della Lipu – avevano quest’anno l’occasione di uscire dalla sudditanza psicologica nei confronti del mondo venatorio e voltare pagina, in termini di tutela. Hanno invece preferito ancora una volta l’opzione venatoria, e lo hanno fatto con illegittimità e sotterfugi. Ciò aggrava il conto che presenteremo all’Europa – conclude Aldo Verner – che ci porterà a chiedere finalmente l’apertura di una sempre più necessaria procedura d’infrazione”.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi