In Italia lo scompenso cardiaco sarà la patologia del futuro

malattie cardiache cuore scompenso cardiaco
Sintomi dello scompenso cardiaco: calo della pressione, aumento della frequenza cardiaca, affanno e gambe gonfie una malattia che, anche a causa dell’invecchiamento della popolazione italiana, diventerà la patologia del futuro”.
Lo spiega Antonio Rebuzzi, professore di Cardiologia presso l’Università Cattolica di Roma e direttore della Terapia intensiva cardiologica del Policlinico Gemelli. “Sono circa 600.000 gli scompensati nel nostro Paese”, precisa il presidente dell’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (Anmco), Michele Gulizia.
“Questa patologia è l’epilogo di molte malattie cardiache. Problemi valvolari, aritmie, infarto, ipertensione. Possiamo avere un’insufficienza lieve, moderata o grave”, dice Gulizia.
Ma di che cosa si tratta? “Le pareti del muscolo cardiaco si irrigidiscono, la pompa riduce la sua potenza e il cuore non è più in grado di compensare le richieste di ossigeno” che arrivano dall’organismo, continua Rebuzzi. “La terapia dello scompenso cardiaco è di due tipi – conclude Gulizia -. Quella farmacologica serve a smaltire i liquidi che si accumulano nei polmoni. Quando il paziente è pesantemente scompensato si può aiutare con un pacemaker speciale: si tratta di apparecchi detti resincronizzatori cardiaci che, grazie ad algoritmi particolari, intervengono come una sorta di direttore d’orchestra. Agiscono sugli impulsi sfalsati e risincronizzano la contrattilità” del cuore.
In un altro studio viene rilevato che il 50% dei pazienti colpiti da scompenso cardiaco, una condizione nella quale il cuore non riesce a pompare in modo soddisfacente sangue nel resto dell’organismo, muore entro 5 anni dalla diagnosi.
“I principali fattori di rischio sono fumo, ipertensione, obesità e sedentarietà. Questa condizione invalidante è purtroppo ancora fortemente sottovalutata e sottostimata mentre la prevenzione deve giocare un ruolo chiave”, afferma l’Associazione italiana scompensati cardiaci (Aisc). Secondo i risultati di uno studio del National Health and Nutrition Examination Survey – sottolinea l’Aisc – i principali fattori di rischio per lo scompenso cardiaco sono rappresentati da: il fumo di sigaretta (16%); l’ipertensione arteriosa (10%); l’obesità (8%); la sedentarietà (9%); il diabete mellito (3%).
Dato l’andamento progressivo della malattia e il graduale intensificarsi dei sintomi, l’Aisc ricorda come sia fondamentale una diagnosi tempestiva, che permetta di prevenire e rallentare il decorso della patologia che se gestita in maniera appropriata può comunque essere compatibile con una buona qualità di vita.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi